Google

Benvenuti
nel mio blog.

Se le mie recensioni vi sono state utili, se vi sono piaciute,
se non siete d'accordo, lasciate un segno del vostro passaggio.
E' gratuito e libero.

Per una corretta visualizzazione dei contenuti, è consigliabile utilizzare Mozilla Firefox come browser, e scegliere l'opzione Visualizza-> A tutto schermo.

Grazie.


lunedì 27 agosto 2007

Recensione: L'Odio



Titolo originale: La Haine

Genere: drammatico

Regista: Mathieu Kassovitz

Francia 1995


Crudo ritratto di una tipica giornata di giovani figli di immigrati nordafricani nelle banlieues francesi.



video




Questa è la storia di un uomo che cade da un palazzo
di cinquanta piani.
Mano a mano che, cadendo, passa da un piano all'altro,
il tizio per farsi coraggio si ripete: "Fino a qui tutto bene.
Fino a qui tutto bene. Fino a qui...".
Il problema non è la caduta, ma l'atterraggio.



Noterete che il riassunto della trama è molto scarno, come scarna è la vita dei ragazzi protagonisti di questa pellicola: come avrete capito la loro è una non-vita, dove regna la noia
e la violenza, lo squallore e la povertà,
dove i valori (se ce ne fossero) vengono calpestati, di fronte ad un dura
realtà di miseria e di emarginazione.

In questa visuale possiamo paragonare il viaggio dei tre protagonisti (segnalo un ottimo Vincent Cassel) a Parigi come il viaggio di Pinocchio nel Paese dei Balocchi, dove questi ragazzi intravedono (solo per breve tempo, ahiloro) quello che di buono la vita potrebbe offrire, messo efficacemente in contrasto con il nulla della periferia.

E' una realtà dura e cruda, fatta di violenza, spaccio, volgarità, ma tutto ciò è quasi giustificabile, perché attorno ai nostri protagonisti c'è il vuoto più assoluto.

E le forze dell'ordine? Nemmeno loro sfuggono a quest’impietoso ritratto: con il loro comportamento non fanno altro che attirare le ire di questi ragazzi che trovano così uno sfogo per la propria frustrazione.

Alcune scene e personaggi fuori dalle righe (il vecchietto nel bagno e il folle amico parigino "Asterix") contribuiscono a smarrire lo spettatore; il finale crudo poi non lascia molte speranze a chi guarda: è proprio il ragazzo di colore, quello più ragionevole e riflessivo dei tre, a... non posso dirvi altro.

Vale più la visione di questo film che di un'intera stagione di sterili
ed ipocriti dibattiti televisivi stile Porta a Porta!!!


Voto Finale: 10 e lode


Scheda dell'IMDb

Nessun commento: