Google

Benvenuti
nel mio blog.

Se le mie recensioni vi sono state utili, se vi sono piaciute,
se non siete d'accordo, lasciate un segno del vostro passaggio.
E' gratuito e libero.

Per una corretta visualizzazione dei contenuti, è consigliabile utilizzare Mozilla Firefox come browser, e scegliere l'opzione Visualizza-> A tutto schermo.

Grazie.


lunedì 22 ottobre 2007

Recensione: Society - The Horror


Genere: horror
(maxi splatter)

Regista: Brian Yuzna


Stati Uniti 1989




Billy, rampollo di una famiglia “bene”, nutre dei dubbi sui genitori, sugli amici, su tutte le persone che lo circondano: sospetta infatti che partecipino a strani riti con i membri dell’alta borghesia…




video



Tra i film più splatter di tutti i tempi vale la pena segnalare questo lavoro del geniale Brian Yuzna, regista di altri film divertenti (Bride of Re-Animator, Necronomicon, The Dentist 1 e 2, Progeny), oggi secondo il pubblico decisamente in crisi (Faust, Rottweiler, Beneath Still Waters hanno ricevuto purtroppo critiche molto negative dai suoi "seguaci").


Il regista mette in scena una tipica teen-story, quasi una commedia per ragazzi, con i classici problemi del passaggio dall’adolescenza all’età adulta. E fin qui sembra la sensazione di dejà-vu incombe.
Ma ci sono strani ed inquietanti indizi disseminati per la strada che tengono abbastanza alta l’attenzione e stimolano la curiosità dello spettatore.
Forse i genitori di Billy non sono persone così normali e perfette come sembrano… Hanno scheletri nell’armadio? E i suoi compagni di scuola? E le persone dell’alta società che frequentano la sua casa? Si tratta di banale ambiguità, ipocrisia o c’é qualcosa di peggio sotto???.


Ecco il punto saliente della pellicola di Yuzna, il grottesco (e magnificamente grandguignolesco) finale: un’orgia di carne e sangue che non può lasciare indifferente nessun spettatore.
Io sapevo già a cosa sarei andato incontro, perché del film avevo letto qualcosa sul web, ma non per questo non sono rimasto colpito.
Immagino che lo spettatore occasionale non patito di horror che per caso si lascia coinvolgere dai primi 60-70 minuti non abbia idea a che cosa stia andando incontro… e mi auguro per lui che non abbia appena mangiato!!!


Oddio da appassionato dell’horror ho digerito Bad Taste e Splatters senza troppi problemi, ma quello che ci mostra Yuzna è allo stesso tempo genio e follia: una fusione di corpi realizzata alla perfezione per non parlare della scena clou, quando un personaggio viene rivoltato come un calzino (e non sto dicendo così tanto per dire).


Secondo me, oltre alle impressionanti immagini, altre due elementi contribuiscono a spiazzare lo spettatore: le recitazioni degli attori che interpretano i ricconi borghesi e la musica (il valzer) rendono se possibile ancora più assurdi e grotteschi i minuti finali.


Tutto il film è una spietata critica alla società americana dell’epoca, composta da ricchi opulenti, lussuriosi ed egoisti, una sorta di setta segreta, che agisce al calare della luce del sole, manovrando di nascosto le sue pedine, approfittando di chi è povero e non ha alcun diritto…
La critica sociale del regista è chiara e netta, e devo dire che in tutta sincerità mi sembra oggi, a quasi vent’anni di distanza, ancora attuale; il fatto però è che tutto quello
splatter distoglie lo spettatore da qualsiasi riflessione e pensiero…


Finita la visione rimane la sensazione di avere di fronte una pellicola unica nel suo genere, frutto del lavoro di un regista folle e visionario, guardare gli ultimi minuti (spettatori sensibili a parte) per credere.



Voto Finale: 9



Scheda dell'IMDb

5 commenti:

Deneil ha detto...

questo ce l'ho ma lo devo anora vedere!sarà molto difficile trovarmi impreparato sull'horror a meno che non si tratti di qualche vaccata ultramoderna che mi rifiuto di vedere!però devo purtroppo ammettere di averlo e non averlo ancora guardato!ho visto delle scene e ne ho sempre sentito parlare bene ma ancora non ho avuto tempo..anch'io ho letto delle voci che vogliono yuzna in grave crisi creativa ma non sapri dire sinceramente!addirittura alcuni dicono questo sia l'unico film che valga la pena di vedere!tu sai qualcosa di reanimator (l'originale non il seguito di yuzna!)?perchè anche quello è li che mi aspetta ma non mi ispira più di tanto però dicon sia fantastico..è di stuart gordon se non sbaglio..grande amico di john landis!comunque bella rece e bella impaginazione!

Anonimo ha detto...

Bussy (è un'abbreviazione, ma tanto quanti qui in rete si chiamano Bussisotto??)

grazie per aver inserito la recensione che ti avevo richiesto.Condivido l'importanza della critica, nel film, alla società americana. La pellicola prosegue per accumulazione, fino ad esplodere nel bellissimo finale.
Ottimi effetti speciali, gli attori sono simpatici, funzionali.
Yuzna non si è più ripetuto purtroppo.
Non a caso "Society" è stato accolto benissimo sia dal pubblico di fans affezionati sia dalla critica più seria.

GRANDE BOH ha detto...

Ciao ho creato un BANNER contro la legge Levi se vuoi passa e fallo girare

Marco300 ha detto...

Di Yuzna ho visto Faust, e non mi è dispiaciuto, il talento del regista probabilmente è un pò appannato, perché si tratta di un lavoro in fin dei conti mediocre. Alcune trovate però confermano che abbiamo a che fare con un regista valido.
Probabilmente Society è l'unico suo grande film. The Dentist è stato poco pubblicizzato, parla di un dentista che va fuori di testa e se la prende con i pazienti, e puoi immaginarti che bagno di sangue...
Necronomicon mi incuriosisce, si trova poco su questo film sul web...

Per quanto riguarda Re-Animator, non l'ho visto, ma se vuoi saperne qualcosa di più posso dirti che è un film simile a Splatters di Jackson: un dottore scopre il siero per rianimare i morti e dà il via a un festival dello splatter più estremo, con molto umorismo a quanto pare. Non vado pazzo per questi film.

Marco300 ha detto...

grazie Grande Boh, ho raccolto immediatamente il tuo invito, anche perché proprio poco fa mi è arrivata la mail che ho citato nel mio post... combattiamo questa legge ingiusta!!!