Google

Benvenuti
nel mio blog.

Se le mie recensioni vi sono state utili, se vi sono piaciute,
se non siete d'accordo, lasciate un segno del vostro passaggio.
E' gratuito e libero.

Per una corretta visualizzazione dei contenuti, è consigliabile utilizzare Mozilla Firefox come browser, e scegliere l'opzione Visualizza-> A tutto schermo.

Grazie.


giovedì 20 novembre 2008

Recensione: Reeker - Tra la vita e la morte



Genere: horror

(medio splatter)


Regista: Dave Payne


USA 2005



Un gruppo di ragazzi in viaggio

per raggiungere un rave rimane bloccato,

causa fine benzina, presso una stazione

di servizio deserta.

Nell’aria si diffonde un forte odore di morte:

qualcosa sta dando la caccia ai protagonisti.




video






Questa trama l’ho già sentita da qualche parte penserete…

questo infatti è l’ennesimo horror adolescenziale che non aggiunge

nulla di nuovo al genere, anzi, attinge a piene mani dai cliché.


Però non è un film da buttare. Qualcosa di buono c’è.


Ad esempio pensavo che essendo un film destinato ad una platea

di adolescenti il regista volesse puntare esclusivamente sul gore.

Invece non è stato così. Al di là dell’incipit (di notevole impatto)

e qualche altra scena splatter, non è certo la quantità di emoglobina

a dominare la scena in questo film.




Il regista vuole fare di questo teen-horror un film un po’ più impegnato, quasi un horror serio. Ed è qui che subentrano i difetti.




C’è il solito gruppo di adolescenti alla ricerca del divertimento facile.

Il solito motel sperduto e deserto. Un mostro che colpisce da un momento all’altro. Ci sono pure le visioni! Durante la permanenza al motel

i nostri hanno delle agghiaccianti visioni di persone orribilmente mutilate.




C’è poi un uomo che appare all’improvviso: si tratta di uno spacciatore derubato da uno dei nostri ragazzi, che si è messo sulle loro tracce

per recuperare la merce sottratta. Cosa c’entra lui con tutto questo? Perché nelle visioni sembra volere aiutare i nostri ragazzi,

mentre nella realtà è intenzionato a fare loro del male?

Lo scopriremo alla fine.




Il film si trascina piuttosto stancamente fino all’epilogo, che si rivela interessante e dignitosamente congegnato ma, anche in questo caso,

GIA’ VISTO.




Non posso nominare un film (che tra l’altro ho recensito poco tempo fa)

il cui finale è praticamente identico a questo, altrimenti rovinerei tutto.


Va apprezzato, lo ribadisco, il tentativo del regista di andare al di là

del solito film horror da serata estiva, ma paradossalmente questa sua lodevole intenzione toglie vitalità al film.



Voto Finale: 5



Scheda dell’IMDb

1 commento:

kikkispini ha detto...

hai mai visto 'Identity'?
la storia del motel è simile..ma quello è un gran bel thriller..
se non lo hai visto, procuratelo..è un must (il cast, poi, è d'eccezione - Rebecca de Mornay - john Cusack - Ray Liotta - Amanda Peet..) . Non te lo puoi perdere..