Google

Benvenuti
nel mio blog.

Se le mie recensioni vi sono state utili, se vi sono piaciute,
se non siete d'accordo, lasciate un segno del vostro passaggio.
E' gratuito e libero.

Per una corretta visualizzazione dei contenuti, è consigliabile utilizzare Mozilla Firefox come browser, e scegliere l'opzione Visualizza-> A tutto schermo.

Grazie.


domenica 30 settembre 2007

Recensione: Masters of Horror - Jenifer (Dario Argento)



Genere: horror
(molto splatter)

Regista: Dario Argento

Stati Uniti 2005


J
enifer è una ragazza particolare: il suo corpo è splendido e sensuale, ma il suo volto è sfigurato e mostruoso. Frank, un poliziotto, le salva la vita: tra i due si instaurerà un rapporto morboso che andrà al di là delle atrocità compiute dalla ragazza, e per l'uomo sarà l’inizio della fine...



video



Finalmente è arrivata in Italia la serie televisiva Masters of Horrors, ideata nel 2005 da Mick Garris, che ha visto la partecipazione di alcuni tra i migliori registi horror della storia del cinema (forse ho esagerato un pò...).

Il primo di questi episodi è diretto dal maestro italiano del brivido (uno dei tanti, mi permetto di aggiungere, non dimentichiamo Fulci, Bava Senior e Junior, Soavi, Deodato, D'Amato...) Dario Argento, il regista di pellicole di culto quali Profondo Rosso, Suspiria, Inferno. Ho purtroppo visto solo la prima, e per di più qualche annetto fa; inoltre delle sue ultime (criticate) opere ho visto (in parte) Il Cartaio. Devo quindi dare fede alle varie opinioni che ho letto sulla rete e giungo ad una conclusione: il Maestro è in crisi. Questo è ciò che addetti ai lavori e non sostengono all’unanimità.

Dopo essermi adeguatamente informato, dato che Argento lo conoscevo più per la fama che per le sue opere (ma dovrò colmare prima o poi questa lacuna), mi sono avvicinato a Jenifer con curiosità e ottimismo. E ne sono uscito con un po’ d’amaro in bocca. Perché la storia della ragazza sfigurata che nessuno vuole è triste e malinconica (e le musiche splendide toccano al cuore dello spettatore), e la sua mostruosità non è solo esteriore ma ahimé (povero il poliziotto Frank) anche interiore...

Ma i difetti superano i pregi.

Primo: quando ho visto la scena iniziale, avevo già capito come sarebbe andata a finire (ho scommesso con mio papà che seguiva il film con me, e ho vinto). Questo non perché io sia un genio, non perché abbia doti premonitrici, non perché abbia letto su internet la trama del film... forse perché ho già visto qualcosa di simile, e il tutto mi risuonava familiare... ma questo è un difetto da poco, rispetto alle altre pecche...

Secondo: le scene splatter. Sono sì ben fatte, però... dopo la prima volta suonano ripetitive, perché è la stessa scena ripetuta con vittime diverse... eppoi non c’è un minimo di tensione, perché intuiamo il pericolo... tutto troppo facile, il protagonista Frank si avvicina camminando lentamente alla porta... e scopre Jenifer intenta a mangiare. Che cosa? Fate uno sforzo d'immaginazione...

Terzo: le numerose (e ripetitive, come le scene splatter) scene di sesso. Una, due, tre... eccheppalle!!! L'abbiamo capito che tra i due protagonisti di instaura un rapporto morboso e malsano... non serve sbattercelo in faccia ogni cinque minuti!

Quarto, e forse più importante motivo: la credibilità. Come, penserete, recensisci film dove parli di mostri, vampiri, zombi e parli di credibilità??? Sì, perché sta nella bravura del regista rendere questi scenari credibili allo spettatore.
Tolta la parte "immaginaria", il contorno deve essere credibile.
Volete un esempio??? Vi svelo qualche parte del film (che dura un'oretta), quindi se non l'avete visto lasciate perdere.


.....

Sicuri? Allora vediamo un pò... voi portate a casa una sconosciuta (con un corpo da playmate ma deforme, badate bene), questa si pappa il vostro gatto e... fate finta di niente (e intanto la famiglia - giustamente, aggiungo io - fa le valigie), poi si pappa la vostra vicina di casa e... niente, come se nulla fosse, e, nonostante tutto, ci andate a letto. Ma per favore!!!
E poi il protagonista lascia il lavoro in quattro e quattr'otto e se ne va in uno sperduto paesino in cerca di un lavoretto che possa permettergli di mantenere lui e la sua (affamata) compagna... e la famiglia che fine fa??? Non lo cerca nessuno???
Queste sono a mio avviso le incongruenze più gravi, che unite ad un finale prevedibile, portano a giudicare negativamente il film.

.....


Forse non bastava un'ora a sviluppare bene le idee del regista...

Comunque, in conclusione, gli do una sufficienza (stiracchiata, di stima) perché se dal punto vista critico il prodotto è insufficiente, intrattiene lo spettatore meno esperto di horror (garantendo qualche balzo sulla sedia), e pure gli horromaniaci potrebbero trovarlo piacevole (ma nessun balzo, ahimé).

Piacevole. Ma niente di più. Purtroppo.

Comunque se vi capitasse Jenifer sotto mano dategli un'occhiata. Ma non aspettatevi qualcosa di profondo e radicale come i suoi vecchi lavori.


Voto Finale: 6

Masters of Horror: il sito ufficiale della serie

Scheda dell'IMDb

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Bussisotto:
ammetto di non avere visto gli episodi della serie, per questo attendevo con ansia la tua recensione al riguardo!!!!!
Avevo già sentito parlare male di Jennifer.
Che Dario sia in crisi è un dato di fatto...ormai attendo La terza madre solo perhcè sono sicuro che riderò...Asia purtroppo è incapace, rovinerà il film al papà

Marco300 ha detto...

C'é molta attesa riguardo il film di Argento, é atteso al varco. Metà sono ottimisti, metà preoccupati di assistere ad un'altro passo falso (e mi pare che tu sia tra questi...). Io prima di vederlo devo recuperare Suspiria e Inferno, per poter così capire e fare un confronto. Di Argento ho visto solo (troppo tempo fa) profondo Rosso.

Per quanto riguarda la serie Masters of Horror, sono qui apposta per raccontarla a chi non l'ha vista... preparati, perché alcuni episodi (filmati Carpenter, Gordon e Coscarelli) sono piccoli capolavori!!!

Anonimo ha detto...

Bussisotto:
oltre a quello citato ti consiglio Tenebre, L'uccello dalle piume di cristallo e Phenomena. Dario negli ultimi tempi è diventato una macchietta di quello che era all'inizio purtroppo, ecco perchè ho una paura fott.ta di quello che sarà il suo nuovo film!!!!!!
speriamo bene

Marco300 ha detto...

Grazie dei consigli.
Sai cosa ti dico per quanto riguarda "La Terza Madre"? L'ottimismo é il profumo della vita! Battute a parte, speriamo bene: Dario ha bisogno di rilanciarsi, un eventuale flop sarebbe per la sua carriera devastante...

Anonimo ha detto...

Bussisotto:
continuo a rispondere qui, perchè non avendo visto i film della serie mastrs non saprei cosa scrivere al proposito (complimenti esclusi, ovviamente!!)...proverò ad essere ottimista, dai!!:o)
Diciamo che Dario già sta alla frutta da certi punti di vista...ai botteghini funziona ancora, ma non come prima!!Su questo film scommetto ci sarà un ottimo riscontro iniziale, sperando che sia di buon livello!!

Marco300 ha detto...

Purtroppo il nostro Argento non é l'unico in crisi, penso ai suoi "coetanei" Wes Craven e Tobe Hooper.
Proprio di quest'ultimo recensirò prossimamente "Il Custode", un film brutto, ma brutto davvero.

Anonimo ha detto...

Bussisotto:
risponderò alla tua recensione appena la pubblicherai, perchè sul Custode ne ho 100 mila da dire...(tutte negative)
diciamo che in generale a me Tobe Hoooper non è quasi mai piaciuto moltissimo, nonostante Non aprite quella porta. Wes Craven visivamente mi piace di più. Idem con patate Romero.

luciano ha detto...

Jennifer non l'ho visto, ma di Argento conosco tutto il resto della cinematografia. E tanto lo amavo un tempo (fino a...Phenomena?...Tenebre?), quanto adesso lo trovo disastroso. Gli ultimi film sono goffi e bruttissimi, una vaga e deforme ombra del talento che Dario fu. LA TERZA MADRE, ad esempio, fa pietà, scritto malissimo e girato peggio. Subito dopo averlo visto, incredulo, ho voluto riguardare i primi quindici minuti di Suspiria. Sembra davvero un altro regista. Tanto che comincio ad avere un sospetto: che nei capolavori di Argento ci fosse anche lo zampino di qualcun altra/o. Che ora non lavora più con lui.

Marco300 ha detto...

Di Argento devo recuperare un pò di opere... "Profondo Rosso" l'ho visto troppo tempo fa, l'anno scorso ho visto "Suspiria" e mi è piaciuto molto, ho guardato di sfuggita i suoi ultimi lavori e non mi sono piaciuti affatto... questo "Jenifer" difetti a parte a mio avviso è comunque un prodotto decente.
Vedrò di procurarmi i primi thriller, poi "Inferno", "Tenebre" e "Phenomena".
Anche se non ho idea di quando troverò il tempo di vederli... ho tra le mani più di un centinaio di film e non so da dove cominciare...

kikkispini ha detto...

..allora?? hai poi visto 'Phenomena'? Che ne dici? è il primo film di Dario Argento che ho visto..ero poco più di una bambina...mamma mia, che paura!!! però, mi era piaciuto tantissimo...e caspita: lo avevo visto tutto, girandomi una sola volta! una vera prova di coraggio!! che risultato!!

Marco83 ha detto...

Sì l'ho visto e ho la recensione fatta, finita chissà in quali meandri del mio pc... mi era piaciuto tantissimo... straordinaria la Connelly!!! E il bambino mostro... chi se lo scorda?

kikkispini ha detto...

..recensione?? valla subito a stanare dal meandro del tuo pc e pubblicala sul sito!!! dai dai dai!!
aspetto con ansia!!