Google

Benvenuti
nel mio blog.

Se le mie recensioni vi sono state utili, se vi sono piaciute,
se non siete d'accordo, lasciate un segno del vostro passaggio.
E' gratuito e libero.

Per una corretta visualizzazione dei contenuti, è consigliabile utilizzare Mozilla Firefox come browser, e scegliere l'opzione Visualizza-> A tutto schermo.

Grazie.


domenica 14 ottobre 2007

Recensione: Final Destination


Genere: horror
(medio splatter)

Regista: James Wong

Stati Uniti 2000


Un gruppo di studenti, grazie alla premonizione di uno di loro, si salva da un disastro aereo.
Ma la Morte esige le loro vite...



Mi sembra giusto scrivere due righe su questo classico horror per teenager che ho visto per la prima volta qualche mesetto fa... conoscevo il sequel, e l'idea alla base del film mi aveva incuriosito, e mi sembrava scorretto darne un giudizio senza avere visto il primo episodio, quello che ha dato il via alla fortunata serie.

Questi horror, se così li vogliamo chiamare, non mi attirano più di tanto, anche perché è consuetudine che la trama sia banale e scontata, e i dialoghi piuttosto elementari.
Però mi sento di spezzare una lancia a favore del regista, che ha avuto una buona idea: se, per pura casualità, si sfugge alla morte, è possibile che la Signora di nero vestita reclami nuovamente la vita del fortunato? Evidentemente sì, per il regista. La Morte insegue i superstiti, fino a che non ha ottenuto le vite che desiderava, a meno che non si riescano
ad ostacolare i suoi piani prevedendo quando questa sta per colpire, interpretando dei segnali.

Il film sta tutto qui, i protagonisti hanno poco spessore, i dialoghi sono scontati, l'attenzione dello spettatore si rivolge esclusivamente alle bizzarre morti dei protagonisti... piuttosto originali e "divertenti" (ma da qui a dire che spaventino...).

Un horror per tutti dunque: poco splatter (più accentuato nei due sequel), personaggi giovani e abbastanza simpatici, la presenza di un'istituzione della cinematografia horror, Tony Todd (ruoli importanti nel remake de La notte dei morti viventi e in Candyman per citarne alcuni) che innalza lo spessore di questo filmetto semplice semplice.


Voto Finale: 7


Scheda dell'IMDb



3 commenti:

Anonimo ha detto...

Bussisotto:
il primo final si è distinto per ironia ed originalità di insieme, Tony Todd è superlativo come sempre, hai ragione!!!!
PEccato che gli altri episodi si siano ridotti ad una semplice fotocopia (ridicola) dell'originale!!!
:o)

Walter Giannò ha detto...

Final Destination comunque è un film divertente, così come il secondo, mentre pessimo è il terzo....

Marco300 ha detto...

Benvenuto nel mio blog, Walter.
Sono d'accordo con voi, il primo e il secondo sono film abbastanza divertenti.
Il terzo (come leggerete nella mia recensione) era evitabilissimo...