Google

Benvenuti
nel mio blog.

Se le mie recensioni vi sono state utili, se vi sono piaciute,
se non siete d'accordo, lasciate un segno del vostro passaggio.
E' gratuito e libero.

Per una corretta visualizzazione dei contenuti, è consigliabile utilizzare Mozilla Firefox come browser, e scegliere l'opzione Visualizza-> A tutto schermo.

Grazie.


giovedì 25 ottobre 2007

Recensione: Slither


Genere: horror
(molto splatter)


Regista: James Gunn


Stati Uniti 2006



Una cittadina è colpita da una piaga aliena che trasforma gli abitanti in zombi affamati.







Gli addetti ai lavori l’hanno definito uno dei migliori horror del 2006, una sorta di omaggio all’intera cinematografia dell’orrore. Allo spettatore attento infatti non possono sfuggire strizzatine d’occhio a L’invasione degli Ultracorpi, Blob: il fluido che uccide, Society, La Cosa, gli splatter-movie di Peter Jackson, gli zombi di Romero…
Insomma guardando questo film si dovrebbe respirare un’atmosfera anni ’80, come se assistessimo alla proiezione in un drive-in.
Il regista secondo me ha centrato in pieno questo obiettivo.


Però… in fondo James Gunn da questo miscuglio partorisce sì un film (abbastanza) divertente, però tutto sommato non mi sembra di avere assistito ad un capolavoro, né a qualcosa di particolarmente innovativo rispetto ai film degli ultimi anni.
Sarà che non amo particolarmente i film basati quasi esclusivamente sullo splatter… non che mi impressionino, ma di solito la storia è mero pretesto per mettere in scena un festival del grandguignol, e questo mi annoia non poco.


Slither non è molto differente da questo genere di pellicole: un organismo alieno penetra nel corpo di un uomo e lo muta; l’uomo contagia una donna (vedi foto sopra) che incomincia ad ingrassare a dismisura: questa esplode e “partorisce” migliaia di… lumaconi che penetrando nella bocca degli abitanti della cittadina di Wheelsy li trasformano in zombi affamati (vedi foto a fianco)… per i pochi sopravvissuti incomincerà la lotta per la sopravvivenza, in un crescendo di scene splatter (anche se non mi sembrano per nulla estreme o “disturbanti”), prima dell’immancabile lieto fine.
Tutti felici e contenti.


Potrei definire senza alcun problema Slither un film di serie B o un film trash… le battute sinceramente non è che mi abbiano fatto molto ridere, mentre un complimento va ai simpatici attori protagonisti.
Ottimo il cast, gli attori si sono davvero divertiti a girare questo film. Tutto ciò giova all'allegria e all'umorismo che perdurano nella pellicola.


Nel cast spicca un attore icona dell’horror per l’indimenticabile recitazione nel film di culto Henry: Pioggia di sangue: sto parlando di Michael Rooker, l’uomo contagiato per primo dal virus alieno. E’ senza alcun dubbio un bravo attore, ed ha accettato questa parte con l’entusiasmo di un ragazzino, ed è evidente come si sia integrato a meraviglia con il resto del cast: ciò lo si capisce anche dagli extra contenuti nel dvd.
E’ impressionante come sotto chili di silicone e lattice riesca a dare un’umanità al mostro: guardare le scene finali per credere.


Ripeto, Slither è un film omaggio al cinema horror, dagli anni 50’ agli ’80, che immagino accontenterà solo gli appassionati del genere (ed io, che amo l’horror, come avrete capito non è che mi sia divertito granché…), ma non mi sembra sia un film “imperdibile”, non è che innovi granché il genere…
Non condivido quindi l'entusiasmo sfrenato dei critici.


Piuttosto mi sento di spendere due parole sul regista.
L’ho “conosciuto” grazie ai numerosi e (quelli sì) divertenti extra presenti nel dvd: secondo me è matto da legare, ma è pure geniale, e ci regalerà molte soddisfazioni in futuro, sono pronto a scommettere.
Non perdiamolo di vista.



Voto Finale: 7



Scheda dell'IMDb



3 commenti:

Deneil ha detto...

qui mi cogli impreparato ma ne ho sentito molto parlare...certo la trama mi sembra la banalità fatta film e se proprio dobbiam guardarci un invasione di ultracorpi guardiamoci lo splendido originale da me recensito poco tempo fa!quello si degno di nota!non l'ultimo remake invasion con la kidman che è pessimo!
Comunque questo credo che lo salterò a pie pari (seppur io ami in generale il cinema horror compreso il periodo che va dai 50 agli 80 che ha regalato senza dubbio qualcosa di più innovativo di quello che si vede generalmente oggi!)

Anonimo ha detto...

Bussisotto:
ciao Marco!!
Si, slither è più che altro uno scherzetto fatto per voltare lo stomaco agli spettatori amanti dell'horror volutamente "estremo", ma nulla di +!
Certo è che Michael Rooker è un grande attore, in Henry è stato magnifico!

Marco300 ha detto...

Una sola parola per definirlo: sopravvalutato.
Divertente, per carità, ma trovo i film di Rob Zombie, Smith, Aja, i vari Saw, Marshall, Roth e McLean superiori.